alibroapertodue

Perché essere felice quando puoi essere normale?

Ho comprato questo libro per impulso, perché un titolo che è anche una domanda così forte e potente e che contiene dentro di sé tante parole – dette e non dette – deve avere per forza qualcosa di interessante da raccontare, qualcosa che vale la pena scoprire.
Perché quando l’autrice (Jeanette Winterson) sembra parlare a te – e di te – significa che tra le mani non hai solamente un libro. Non hai solamente il frammento della vita di qualcuno che si racconta. Hai davanti una serratura, un piccolo buco, che ti permette di sbirciare nella vita di tante persone che con una domanda del genere ogni giorno devono farci i conti.

Perché ci ostiniamo a voler essere felici, a ricercare ciò che ci piace, a trovare uno scopo, piuttosto che deciderci ad essere normali e adattarci dentro alla trama di un arazzo che hanno deciso per noi, talvolta persino prima che nascessimo?
Forse è “semplicemente” il fatto che il posto che hanno tenuto da parte per noi in questa trama non è il nostro, non ha la nostra forma.

Sono solamente all’inizio del quinto capitolo – pagina 47, è anche piuttosto breve – ma ogni parola è una scoperta, poetica, pregna di significato.
In fondo a me i libri piacciono così.

Advertisements

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s